tuscaning.com - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze b&b agriturismi appartamenti Firenze residence ostelli campeggi nelle vicinanze di Firenze

 
TUSCANING.com Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com
  vedi mappa  

Caricamento in corso .. Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com Caricamento in corso ..
PALAZZO PITTI  Firenze (Firenze)   (2) Mi garba
 
24-img1--palazzo_pitti.jpg Palazzo Pitti Firenze - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..
24-img1--palazzo_pitti.jpg Palazzo Pitti Firenze - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..24-img2--palazzopitti2.gif Palazzo Pitti Firenze - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..24-img3--palazzopitti3.gif Palazzo Pitti Firenze - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..video Palazzo Pitti Firenze Firenze Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com

Firenze - Firenze (Firenze) Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com
 
"
Palazzo Pitti si trova in piazza Pitti al numero civico 1, nel quartiere di Oltrarno a Firenze.
Al suo interno sono ospitati diversi musei di diversa natura: una galleria darte (la Galleria Palatina, con capolavori di Raffaello, Tiziano, ecc.) sistemata secondo il criterio della quadreria settecentesca, gli appartamenti monumentali, la Galleria darte moderna (con le opere dei macchiaioli) ed altri musei specializzati: il Museo degli argenti, dedicato allarte applicata, la Galleria del costume, il maggiore museo italiano dedicato alla moda, il Museo delle porcellane e il Museo delle carrozze. I giardini monumentali di Boboli sono uno dei migliori esempi nel mondo di giardino allitaliana.
Allepoca in cui venne costruito era la residenza più grande di Firenze ed anche la più sfarzosa.
Luca Pitti era rivale della famiglia dei Medici e desiderava una residenza più sfarzosa di quella appena eretta da Michelozzo per Cosimo il Vecchio. La tradizione tramandata da Giorgio Vasari (priva però di altri riscontri) vuole che i Pitti si rivolgessero a Filippo Brunelleschi scegliendo il progetto accantonato da Cosimo de Medici per il palazzo Medici perché giudicato troppo grandioso e suscettibile di invidie, preferendogli quello più dosato di Michelozzo. La leggenda narra che Luca Pitti esigesse che le finestre del nuovo palazzo fossero più grandi della porta principale di quello di Cosimo. Leffettiva realizzazione, che poco ha a che spartire con la sobrietà di Brunelleschi (fra laltro morto 12 anni prima) e sembra più simile alle indicazioni del De re aedificatoria di Leon Battista Alberti, si rifà più alla solennità romana classica. Ufficialmente larchitetto fu Luca Fancelli, allievo e collaboratore di Brunelleschi.
Punto di contatto con il modello brunelleschiano/michelozziano di Palazzo Medici Riccardi è la fronte a bugnato a sporgenza digradante, sviluppo in larghezza di sette finestre, con un portone centrale che dopo un andito oscuro conduce in un ampio cortile da cui si accede alle scale monumentali per i piani superiori.
Per problemi di progettazione i lavori a palazzo vennero momentaneamente interrotti, e forse, complice la sfavorevole sorte in politica di Luca Pitti, viene da pensare che un po come gli Strozzi, che nella gara a superare in sfarzo i Medici si erano fatalmente indebitati dovendo lasciare una parte di Palazzo Strozzi incompiuta, anche i Pitti si trovarono in difficoltà finanziarie e i lavori si interruppero di fatto nel 1464.
La famiglia risedette comunque nel palazzo dal 1469, anche dopo la morte di Luca Pitti (1472).
In seguito le sorti della famiglia non si risollevarono e nel 1549-1550 Buonaccorso Pitti vendette il palazzo a Eleonora di Toledo, moglie di Cosimo I de Medici, la quale riteneva la zona di Oltrarno più salubre rispetto allaffollato centro cittadino sulla sponda nord. Essa infatti soffriva di emorragie polmonari, poiché aveva contratto la tubercolosi ed anche i suoi figli erano cagionevoli di salute, tanto che due bambini in fasce le erano già morti.
Il palazzo divenne così la principale residenza dei Medici, senza cambiare di fatto nome, e dando origine alla straordinaria rinascita del quartiere di Oltrarno, via via che le nobili famiglie della città imitarono i granduchi facendo a gara a costruire residenze nobiliari sulle appena tagliate Via Maggio o Via dei Serragli.
Nel 1560 fu realizzato il primo ampliamento del palazzo ad opera di Bartolomeo Ammannati, che edificò, tra laltro, limponente cortile a più piani con loriginale e senza precedenti motivo dei gradoni alternati lungo tutte le superfici (ampiamente copiato in altri palazzi europei, come il Luxembourg di Parigi). Il cortile fece talvolta da scenografia a straordinari eventi, come una battaglia navale tra venti navi turche e cristiane (per il quale il cortile venne allagato fino raggiungere quasi due metri di profondità) o i festeggiamenti per le nozze tra Ferdinando I de Medici e Cristina di Lorena nel 1589.
La sistemazione dei giardini era già stata iniziata nel 1551 da Niccolò Tribolo. Il disegno originale dei giardini era incentrato su un anfiteatro centrale, che venne realizzato sfruttando la conformazione naturale della collina, dove frequentemente vennero rappresentate commedie e tragedie di ispirazione classica, come alcune scritte da Giovan Battista Cini, mentre le scenografie erano curate dallarchitetto di corte Baldassarre Lanci.
Nel 1565 Giorgio Vasari costruì un corridoio (il "Corridoio Vasariano") che attraversava Ponte Vecchio per collegare Palazzo Pitti con Palazzo Vecchio, passando per la chiesa di Santa Felicita, il Ponte Vecchio e gli Uffizi, sullaltra sponda dellArno.
Nel frattempo, tra il 1558 e il 1570 lAmmannati creò uno scalone monumentale per il piano nobile, e ampliò le ali posteriori del palazzo, verso il giardino, abbracciando così il cortile e chiudendolo sul lato ovest da un corpo sovrastato da una terrazza alla quale si accedeva dagli appartamenti nobiliari del primo piano. Da questo punto di vista si fronteggiava la collina di Boboli a pari altezza, dominando il declivio. Sulla terrazza fu posta anche una grande fontana più tardi (1641), la fontana del Carciofo disegnata dallassistente di Giambologna, Francesco Susini, mentre dalla parte del cortile interno fu realizzata più tardi una stravagante grotta con concrezioni calcaree e statue di puttini che nuotano nella vasca chiamata Grotta di Mosè.
Inoltre nel giardino sempre lAmmannati realizzò la celebre grotta che prende il suo nome, composta da tre ambienti con decorazioni fantastiche che legano la pittura, la scultura e larchitettura della sala, con effetti illusionistici e giochi dacqua.
Dal 1616 fu lanciato un concorso per ampliare la parte del palazzo sulla piazza, vinto da Giulio Parigi, nipote dellAmmannati, che condusse i lavori di allungamento del corpo della facciata dal 1618, terminati da Alfonso Parigi, suo figlio, nel 1631. nel Settecento Giuseppe Ruggeri aggiunse le due ali laterali che abbracciano la piazza, un prototipo di corte donore copiata in Francia. Sporadiche aggiunte e modifiche vennero spesso operate dai vari occupanti del palazzo ad opera di altri architetti. Nel 1696 Cosimo III fece aggiungere sulla facciata la Fonte del Leone, ornata dalla corona granducale medicea.

"


Indice delle Fonti e Citazioni
Wikipedia, http://it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_Pitti
 
vedi anche.. altre opere d´arte - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com vedi anche.. altre opere d´arte
 
Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com altra arte:
altra arte: Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com
hotel, B&B, appartamenti, residence, agriturismi, ostelli, campeggi a Firenze - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com hotel a Firenze
 
Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com altri hotel:
altri hotel: Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com
attività a Firenze - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com attività a Firenze
Alloggi in Toscana con itinerario - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com Alloggi in Toscana con itinerario
prenota a Firenze - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com prenota a Firenze
pubblicità su Firenze - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com pubblicità su Firenze


eng - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com eng   esp - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com esp   ita - Palazzo Pitti a Firenze - Musei a Firenze opere d´arte e prenotazioni hotel Firenze - la Toscana con tuscaning.com ita

2014 tuscaning.com ®