tuscaning.com - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo b&b agriturismi appartamenti Arezzo residence ostelli campeggi nelle vicinanze di Arezzo

 
TUSCANING.com Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com
  vedi mappa  

Caricamento in corso .. Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com Caricamento in corso ..
STORIA DI AREZZO  Arezzo (Arezzo)   Mi garba
 
254-img1--arezzo.jpg Storia di Arezzo Arezzo - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..254-img2--arezzo2.jpg Storia di Arezzo Arezzo - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..254-img3--arezzo3.jpg Storia di Arezzo Arezzo - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..
254-img1--arezzo.jpg Storia di Arezzo Arezzo - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..254-img2--arezzo2.jpg Storia di Arezzo Arezzo - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..254-img3--arezzo3.jpg Storia di Arezzo Arezzo - arte, cultura, spettacolo, informazioni sulla Toscana. Un viaggio per vedere, imparare, conoscere ..video Storia di Arezzo Arezzo Arezzo Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com

Arezzo - Arezzo (Arezzo) Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com
 
"
Arezzo sorse in epoca pre-etrusca in una zona abitata fin dalla preistoria, come dimostra il ritrovamento di strumenti di pietra e del cosiddetto uomo dell´Olmo, risalente al Paleolitico, avvenuto nei pressi della frazione dell´Olmo durante i lavori di scavo di una breve galleria della linea ferroviaria Roma-Firenze nel 1863.La zona posta alla confluenza di Valdarno, Valdichiana e Casentino, infatti, è passaggio naturale per chi voglia attraversare l´Appennino. Si ha notizia poi di insediamenti stabili di epoca pre-etrusca in una zona poco distante dall´attuale area urbana, il colle di San Cornelio, dove si sono rinvenute tracce di una cinta muraria di difficile datazione poich&ecute; sovrimpresse dalle poderose mura romane. L´abitato etrusco sorse invece sulla sommità del colle di San Donato, occupata dall´attuale città. Si sa che la Arezzo etrusca, con un nome quasi identico all´attuale, Arretium, esisteva già nel IX secolo a.C.Al sorgere della potenza di Roma la città, insieme alle consorelle etrusche, tentò di arginarne le tendenze espansionistiche, ma l´esercito messo insieme da Arezzo, Volterra e Perugia fu sconfitto a Roselle, presso Grosseto, nel 295 a.C.; e così nel III secolo avanti Cristo Arezzo fu conquistata dai Romani che latinizzarono il suo nome etrusco Arretium.Durante l´epoca romana, specialmente nel periodo repubblicano, Arezzo divenne un simbolo importantissimo dell´espansione romana a nord, ed un bastione difensivo del nascituro impero, grazie alla sua posizione strategica che ne faceva tappa obbligata per chiunque volesse raggiungere la sempre più potente città sul Tevere. Arezzo si trovò dunque a doversi difendere dai Galli Senoni che marciavano contro Roma. In suo soccorso giuse una robusta armata guidata dal console Lucio Metello, che trovò la morte in battaglia ma arrestò l´avanzata dei Galli. Dopo il fatto, Arezzo divenne sede di un presidio romano permanente.Rimase però sempre gelosa della sua autonomia, tanto che cercò più volte di riconquistare l´indipendenza nel corso delle guerre civili della Roma repubblicana, schierandosi prima con Mario e poi con Pompeo. Silla e Cesare si vendicarono facendone una colonia per i loro veterani, il che provocò un notevole riassestamento demografico che cancellò da Arezzo - come da tutta l´Etruria - le rimanenti tracce della vecchia cultura.All´inizio dell´età imperiale la città, operosa e ricca di inventiva, divenne ricca e prospera come al tempo delle guerre puniche, quando era stata la principale fornitrice di armi per la spedizione di Scipione in Africa.Sorsero numerosi stabilimenti pubblici, come il teatro, le terme, ed un anfiteatro di notevoli dimensioni che è giunto fino ai nostri giorni. La vita culturale ebbe un grande impulso grazie alla feconda attività del primo degli aretini illustri nel mondo delle arti e delle lettere, Gaio Cilnio Mecenate, il cui nome rimarrà per sempre legato alla promozione della cultura. Arezzo fu anche un centro di lavorazione dei metalli e, soprattutto, di vasi di ceramica: i vasi prodotti ad Arezzo erano detti corallini per il loro colore.Al crollo dell´impero, Arezzo subì un forte spopolamento ed una profonda crisi economica, da cui non la salvò la posizione di relativa importanza in cui la posero i Longobardi: le dimensioni della città subirono una contrazione che la riportarono pressappoco a quelle di epoca etrusca, le campagne si svuotarono e i commerci languirono a lungo. La situazione non migliorò neppure con l´arrivo dei Franchi di Carlo Magno - che non si stanziarono in città come avevano fatto i Longobardi -la cui impronta nella vita civile e negli usi quotidiani fu lunga e durevole- ma che privilegiarono i rapporti con quello che ritenevano il più alto potere locale, il vescovado.Dopo il Mille al potere feudale, identificato con il vescovo che risiedeva fuori dalla città sull´altura del Pionta, arroccato come in un castello, venne affiancandosi un potere cittadino, l´ordinamento della città ebbe un´evoluzione e si affermò il libero comune: la presenza di un console è attestata ad Arezzo nel 1098. La duplicità di poteri generò presto un conflitto tra il vescovo, che vedeva la sua autorità feudale provenire dall´imperatore e quindi incarnava la prima espressione del partito ghibellino, e la magistratura cittadina. L´attrito sfociò in varie sollevazioni popolari contro il vescovo e nella rappresaglie di questo, che chiamò in soccorso l´imperatore Arrigo, il quale scendendo in Italia verso Roma, trovava per l´appunto Arezzo nella sua strada. La rappresaglia fu durissima ma non arrestò lo sviluppo del Comune, che proseguì soprattutto dopo il concordato di Worms del 1122 che poneva fine alle controversie tra impero e papato e, di fatto, alla figura dei vescovi-conti.L´influenza territoriale di Arezzo crebbe notevolmente culminando con la presa di Cortona, avvenuta nel 1298 dopo una sanguinosa battaglia. Alla rinnovata importanza politica si accompagnò una fioritura culturale: la città si dotò di una università, lo Studium, i cui ordinamenti risalgono al 1252, brillarono i primi ingegni della nuova poesia lirica italiana Guittone d´Arezzo e Cenne de la Chitarra; della scienza con quel Ristoro che nel 1282 scrisse la prima opera scientifica in volgare; della composizione del mondo; e della pittura, con Margaritone d´Arezzo, poi affiancato da maestri fiorentini e senesi quali Cimabue e Pietro Lorenzetti. Nel 1304 infine nasceva ad Arezzo, da un fuoriuscito fiorentino, Francesco Petrarca.Mentre la potenza di Arezzo cresceva sempre di più, cresceva contemporaneamente la voglia delle città vicine di pareggiarne l´importanza, ed era perciò inevitabile che si arrivasse allo scontro con Firenze e Siena. Dopo alterne vicende la Arezzo ghibellina subì una disfatta contro le armate senesi e fiorentine nella battaglia di Campaldino (1289) nei pressi di Poppi. In questa battaglia, a cui partecipò Dante Alighieri per la parte guelfa, morì anche il vescovo di Arezzo Guglielmino Ubertini. In seguito si affermò la signoria dei Tarlati di Pietramala, il cui principale esponente fu Guido Tarlati che pur essendo divenuto vescovo nel 1312 continuò a mantenere buoni rapporti con la fazione ghibellina, in Toscana e fuori, come ad esempio con gli Ordelaffi di Forlì. La signoria di Guido Tarlati mise temporaneamente fine alle dispute di fazione tra i Tarlati e gli Ubertini e la famiglia guelfa dei Bostoli; tanto feroci che San Francesco si era rifiutato a suo tempo di entrare in città, vedendola infestata dai diavoli, episodio ricordato da Giotto negli affreschi della Basilica Superiore di Assisi.Guido Tarlati risanò il bilancio delle Stato, portandolo a una tale floridità che Arezzo prese a battere moneta propria, ampliò la cinta muraria, concluse una onorevole pace con Firenze e riuscì ad allearsi con Siena e ad espandere il dominio territoriale verso sud e verso est, lui vescovo, a spese dei possedimenti pontifici; tanto che il Papa da Avignone lo scomunicò e lo dichiarò eretico. Ciò non gli impedì, nel 1327, di incoronare imperatore a Milano Ludovico il Bavaro. In questo periodo si era anche sviluppata una forte borghesia mercantile che aveva imposto alcune modifiche nel governo della città, come la creazione della magistratura del capitano del popolo e delle corporazioni delle arti, e la costituzione di una magistratura rappresentativa delle quattro parti in cui la città venne divisa: porta Crucifera, porta del Foro, porta Sant´Andrea e porta del Borgo, alle quali si richiamano i quattro quartieri che disputano l´odierna Giostra del Saracino.A Guido Tarlati passato a miglior vita nel 1327 successe Pier Saccone, il fratello, che non era purtroppo della stessa pasta. Arezzo cominciò progressivamente a perdere terreno nei confronti della rivale Firenze, perdendo per la prima volta l´indipendenza nel 1337: Pier Saccone, pressato dagli oppositori interni, dai nemici esterni (fiorentini e perugini) e dalla crisi economica, cedette Arezzo a Firenze per dieci anni in cambio di denaro. Trascorso questo periodo, l´indipendenza fu recuperata, ma non la prosperità. La seconda metà del trecento fu caratterizzata tuttavia da una sostanziale pace sociale, che terminò bruscamente con il progetto del vescovo Giovanni Albergotti di fare entrare Arezzo nella sfera d´influenza del papato. Le lotte tra guelfi e ghibellini riesplosero con violenza, e la città conobbe più volte l´esperienza del saccheggio da parte di soldataglie mercenarie chiamate in soccorso ora dall´una ora dall´altra parte, o anche venute per l´una e passate all´altra se questa pagava meglio, secondo il costume dell´epoca. Ultimo fu il capitano di ventura francese Enguerrand de Coucy che transitava nella zona diretto a Napoli, dove doveva attaccare Carlo di Durazzo per conto di Luigi d´Angiò, e fu assoldato dalla parte ghibellina che era stata appena espulsa dalla città. Enguerrand prese con facilità quel che rimaneva di Arezzo, ma nel frattempo il suo signore Luigi d´Angiò moriva, lasciando l´armata senza scopo e senza soldo. Firenze ne approfittò immediatamente, offrendo al capitano francese quarantamila fiorini perch&ecute; consegnasse Arezzo, ed egli accettò. Fu così che nel 1384 Arezzo fu annessa allo stato toscano dominato da Firenze. Il dominio fiorentino è visibile d´ora in poi anche nell´architettura e nell´Arte: Spinello Aretino fu l´ultimo artista di scuola autoctona; dopo di lui prevale la scuola fiorentina. In questo periodo furono realizzati da Piero della Francesca gli affreschi della Leggenda della Vera Croce nella Basilica di San Francesco. Il governo fiorentino tentò di rendersi gradito alla città, riuscendovi in parte grazie alla saggia elezione a segretario della Repubblica di un aretino di alto spessore, lo storico e poeta Leonardo Bruni, che si adoperò per favorire l´integrazione di Arezzo nel nuovo Stato toscano ormai, con l´eccezione di Siena e Lucca, interamente sotto il controllo di Firenze. Vi fu tuttavia un lento decadimento economico e culturale della città. La parte più antica, comprendente la rocca e la Cattedrale, fu profondamente modificata con la costruzione della Fortezza Medicea, esempio precoce di fortificazione alla moderna.Nel primo cinquecento Arezzo si trovò coinvolta in una rivolta antifiorentina, che oppose a Firenze il capitano di ventura Vitellozzo Vitelli, il duca Valentino Cesare Borgia e suo padre Papa Alessandro VI, e il re di Francia Luigi XII. La sommossa si spense però dopo pochi giorni, e costò la vita al Vitelli che fu fatto uccidere dallo stesso Cesare Borgia durante un banchetto, con un metodo cui Niccolò Machiavelli dedicò un addirittura un trattato datato 1503. Nel 1525 sulla città e sul contado si abbatt&ecute; una pestilenza, cui seguì una carestia che mise in ginocchio l´economia aretina e portò ad una nuova sollevazione contro Firenze nel 1529, anche questa però più legata ad avvenimenti esterni che ad una vera volontà popolare. I Medici, che erano stati scacciati da Firenze nel 1527, avevano ora dalla loro il papa Clemente VII, appartenente alla famiglia dei Medici. Questi concluse una pace con l´Impero e si assicurò così una armata imperiale, comandata da Filiberto d´Orange, per imporre a Firenze il ritorno dei Medici. L´armata proveniente da Roma passò dal territorio di Arezzo, allora parte dei possedimenti fiorentini e presidiata da una guarnigione fiorentina, e la città anzich&ecute; tentare una improbabile resisterenza all´assedio pensò di profittare della situazione per riconquistare l´indipendenza, trattando la resa tramite un ufficiale dell´esercito imperiale originario della Valtiberina, tale Francesco di Bivignano, detto il conte rosso. La guarnigione fiorentina si rifugiò in fortezza ma fu presto cacciata, mentre il Conte Rosso si impadroniva di parte del Valdarno, Anghiari e Sansepolcro. Ma terminata la contesa con la sconfitta della Repubblica fiorentina a Gavignana nell´agosto del 1530, i Medici non videro più la ragione per tenere Arezzo separata dal resto della Toscana, ed inviarono di nuovo l´esercito imperiale a prenderne possesso. Nel 1554 cadeva anche Siena, ed una quindicina di anni dopo tutta la Toscana, con l´eccezione di Lucca e dello Stato dei Presidi presso l´Argentario, diveniva Granducato. Cosimo I Medici attuò ad Arezzo un piano di ristrutturazione urbanistica a scopi difensivi: il perimetro della cinta muraria fu ridotto come il numero delle porte, la fortezza fu ricostruita e ampliata. Il periodo del Granducato Mediceo a partire dalla seconda metà del ´500 vide però, in tutta la Toscana, un lento ma inesorabile decadimento economico e culturale accompagnato da decremento demografico, che si invertirà solo nel settecento, con le iniziative illuminate di Pietro Leopoldo di Lorena.Nel XVIII secolo fu portata a termine la bonifica della Val di Chiana. Nel 1796 cominciò una campagna militare di invasione dell´Italia da parte dei Francesi. Il generale comandante di questa invasione era Napoleone Bonaparte. Anche Arezzo fu conquistata ma nel 1799 fu il centro del movimento del Viva Maria, una delle insorgenze antinapoleoniche avvenute in quegli anni in Italia.In seguito a questi fatti Arezzo fu riconosciuta dal Granduca di Toscana capoluogo di provincia. Nel 1860 il Granducato di Toscana, e quindi Arezzo, entrò a far parte del regno d´Italia.In questo periodo, anche grazie all´avvenuta bonifica della Val di Chiana, Arezzo ritornò ad essere un nodo delle principali vie di comunicazione fra Roma e Firenze.Il comune di Arezzo è situato alla confluenza di tre delle quattro vallate che compongono la sua provincia. Direttamente a Nord della città ha inizio il Casentino, che è la valle percorsa dal primo tratto dell´Arno; a Nord-Ovest si trova il Valdarno Superiore, sempre percorso dall´Arno nel tratto che scorre fra Arezzo e Firenze; a Sud si trova la Val di Chiana, una pianura ricavata dalla bonifica di preesistenti paludi. A Est si trova la quarta vallata, la Valtiberina, percorsa dal primo tratto del Tevere.Il territorio del comune è molto ampio e vario: si passa dalla pianura che si apre sulla Val di Chiana e sull´Arno, alle colline, a Sud della città, a zone montuose, soprattutto ad Est.
"


Indice delle Fonti e Citazioni
Wikipedia; tuscanytravels.info, http://it.wikipedia.org/wiki/Arezzo#Storia; http://www.tuscanytravels.info/toscana/lista.asp?name=Arezzo
 
vedi anche.. altre opere d´arte - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com vedi anche.. altre opere d´arte
 
Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com altra arte:
altra arte: Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com
hotel, B&B, appartamenti, residence, agriturismi, ostelli, campeggi a Arezzo - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com hotel a Arezzo
 
Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com altri hotel:
altri hotel: Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com
attività a Arezzo - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com attività a Arezzo
Alloggi in Toscana con itinerario - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com Alloggi in Toscana con itinerario
prenota a Arezzo - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com prenota a Arezzo
pubblicità su Arezzo - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com pubblicità su Arezzo


eng - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com eng   esp - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com esp   ita - Storia di Arezzo a Arezzo - Musei a Arezzo opere d´arte e prenotazioni hotel Arezzo - la Toscana con tuscaning.com ita

2014 tuscaning.com ®